Condominio Ok ad Avellino, argomenti di successo

La tappa di Avellino di Condominio Ok 

Sarà perché quasi 40 anni fa un disastroso terremoto ha sconvolto la zona. Sarà perché al Sud ci sono meno occasioni di approfondire certi temi. Sarà perché la sensibilità in alcuni Comuni è maggiore di altri. Fatto sta che Condominio Ok, il roadshow organizzato da Virginia Gambino Editore, nella tappa di Avellino ha fatto il pieno. E non solo per la folta presenza di operatori che con il mondo del condominio hanno a che fare, come amministratori, professionisti, imprese. All’appuntamento nel Centro congressi dell’Hotel de la Ville si sono presentati anche molti studenti delle scuole tecniche, in un primo approccio in quello che sarà domani, forse, il loro mondo del lavoro. D’altra parte, l’interesse dei partecipanti è stato testimoniato anche dalle numerose domande rivolte ai relatori.

L’evento ha registrato le introduzioni iniziali di Virginia Gambino, che ha presentato in anteprima la Fiera per il condominio organizzata a Verona dal 16 al 18 settembre prossimi, di Gennaro Prevete (presidente del Collegio Provinciale Geometri e Geometri Laureati di Avellino), e di Alfonso Matarazzo (presidente dell’Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della provincia di Avellino).

Poi, Condominio Ok è entrato nel vivo. In primo luogo, con l’argomento che sta alla base di ogni progetto, di ristrutturazione o riqualificazione: come trovare le risorse finanziarie? La risposta è articolata, ma si può riassumere così: grazie a nuovi Bonus Casa. Che prevedono, tra l’altro, la possibilità di cedere il proprio credito d’imposta.  Il primo intervento in programma ha presentato proprio un caso concreto di come sia possibile procedere alla riqualificazione di un condominio riducendo al minimo l’esborso.

Già, ma quale tipo di condominio? Federico Della Puppa, coordinatore del Centro Studi YouTrade ha mostrato al strada da percorrere per riqualificare il patrimonio edilizio. E ha aggiunto un’analisi che ha messo ai raggi x il sistema dei condomini nella Provincia di Avellino. Che, nonostante l’edificazione negli anni Ottanta, post-terremoto, non è per nulla soddisfacente, non solo dal punti di vista della sostenibilità energetica, ma anche della sicurezza anti sismica.

GUARDA IL VIDEO – 1

Come negli altri eventi di Condominio Ok, le analisi più generali si sono alternate a focus su specifiche soluzioni che possono essere utili per chi gestisce un edificio. È il caso, per esempio del problema della impermeabilizzazione di balconi e terrazzi, affrontato da Antonio Daniele di Progress Profiles. Oppure, della pittura senza formaldeide, in sintonia con il rispetto dell’ambiente di Oikos, commentata da Francesco Salvato, o le soluzioni per isolare ed eliminare l’umidità dalle pareti illustrate da Antonio Filippo di Bacchi.

Infine, due argomenti caldi: il primo traduce in versione condominiale il proverbio «più spendi, meno spendi». Cioè, con una manutenzione programmata, accantonando nel tempo le risorse, si ottiene maggiore efficienza e minor costo nella gestione condominiale. Ha spiegato il perché Umberto Anitori, ex segretario di Anaci ed esperto di amministrazione condominiale. Il secondo argomento, davvero fondamentale, è quello della sicurezza: l’adeguamento antisismico che va perseguito e adeguato alla normativa, peraltro non proprio semplice. È stato il compito di Patrizio Ciasullo, ingegnere civile, che ha indicato la strada per evitare di vivere dentro una trappola, cioè un edificio esposto al pericolo di crollo alla prima scossa sismica.

Prossimo appuntamento il 30 maggio a Roma

Condominio Ok ad Avellino, argomenti di successo ultima modifica: 2018-05-15T15:52:17+00:00 da fabio franchini
Categories: In Evidenza