Skip to main content

Chi cade dalle scale non dia la colpa al condominio

La Cassazione Civile, sez. VI, con sentenza 24/09/2015 n° 18903 ha negato il risarcimento del danno subito da una madre che scendendo le scale in uno stabile condominiale, poco illuminato, si distrae parlando con il marito e cade rovinosamente a terra, ma riesce a proteggere il figlio ben fissato nel passeggino. La Corte, pur confermando che la responsabilità della tenuta e manutenzione delle parti comuni ricade sul condominio, evidenzia come la condotta imprudente del danneggiato non giustifica la domanda risarcitoria, anzi, addirittura annulla la responsabilità dello stabile condominiale.caduta-scale

Articoli Correlati

Erogazioni idriche

Erogazioni idriche nocive per la salute, amministratori condominiali in acque agitate

La nuova normativa del febbraio scorso ha introdotto altre responsabilità per chi gestisce il condominio in materia di erogazioni idriche….

Privacy

Trattamento dei dati, in assemblea condominiale con Sherlock Holmes

Il trattamento dei dati compete all’amministratore, per consentire la corretta convocazione e la validità delle delibere, effettuare verifiche in relazione…

Condominio

Norme e sanzioni per le parti comuni in condominio

Lo spazio, un bene condiviso o le parti comuni in condominio devono essere a disposizione di tutti, ma anche manutenuti….

Sei un amministratore di condominio? Un’impresa, un ente o un professionista?
Oppure un privato che abita in spazi condominiali?

Abbonati alla nostra rivista
Avatar for Virginia Gambino

Autore: Virginia Gambino