Qundis vuole monitorare gli impianti di riscaldamento via cloud

Misurare il consumo di ogni calorifero di un intero edificio. È quanto promette Qundis, azienda specializzata nella produzione di sistemi Amr (Automatic Meter Reading), ripartitori di calore, contatori di calore e d’acqua e smart meter gateway per la gestione di dati dei consumi energetici. La novità si chiama Q Gateway 5.5 Direct ed è basata su tecnologia cloud, per monitorare in modo smart tutti i misuratori all’interno di un immobile.

L’aspetto innovativo del Q Gateway 5.5 Direct consiste nel fatto di permettere la transizione intelligente dalla lettura walk-by dei contatori alla lettura Amr . Questo sistema rappresenta la più innovativa tecnologia nell’ambito della lettura automatica dei contatori e consente di raccogliere e trasferire direttamente all’utente i dettagli sui consumi energetici in modo automatico. Tra i vantaggi principali del passaggio alla lettura remota si segnalano risparmio di tempo prezioso, costi delle letture ridotte e piena conformità alla direttiva Eed.

Il gateway riceve i dati da tutti i dispositivi di misurazione Qundis in modalità C-mode, così come dai contatori unidirezionali compatibili con Oms V3 / V4 di altri produttori che si trovano nel range di ricezione. Q Gateway 5.5 Direct, infatti, è conforme agli standard del sistema Open Metering System, l’unica specifica in Europa che integra tutti i dispositivi di misura in un unico sistema sviluppato al fine di garantire la loro interoperabilità e funzionalità anche in futuro.

Tra le principali peculiarità di Q Gateway 5.5 Direct c’è che funziona senza nodi di rete, portando un livello di innovazione superiore che consente di eliminare la necessità di gestione della rete. Anche per il Q Gateway  5.5, è Qundis a occuparsi della gestione delle schede Sim e della fornitura dei dati. I dati di consumo, registrati da un massimo di 1.000 dispositivi di misurazione, vengono trasmessi tramite la rete mobile Gprs / Edge / Umts / Hspa alla piattaforma di misurazione intelligente Qundis (Qundis Smart Metering Platform, Q SMP). Da lì, la trasmissione automatica dei dati via e-mail e/o SSH FTP avviene periodicamente secondo le condizioni di servizio.

Grazie alla sua batteria ad alte prestazioni della durata minima di 5 anni, il gateway Q 5.5 funziona senza interruzioni durante l’intero periodo contrattuale. La variante del prodotto con alimentatore risulta, invece, la soluzione ottimale per la gestione di dati giornalieri.

“Q Gateway 5.5 Direct è stato pensato per rispondere alle esigenze del mercato che cercava una soluzione AMR a “basso costo” per stabili di piccole/medie dimensioni. Tra i principali vantaggi del dispositivo c’è sicuramente il suo ampio campo di applicazione che consente la ricezione da dispositivi Qundis ma anche di altri produttori. – ha commentato Andrea Proietto, Technical Expert di QUNDIS in Italia – Ulteriore elemento distintivo è l’elevato livello di sicurezza dei dati garantita dal gateway, che assicura trasmissione mobile crittografata, hosting dati tramite il cloud del nostro partner IBM e piena conformità al GDPR.”

Anche questo dispositivo QUNDIS è conforme alla direttiva europea sull’efficienza energetica, la cosiddetta EED (2012/27/UE, articolo 7), che stabilisce le disposizioni da adottare, al fine di raggiungere nel 2020 un consumo energetico pari al 20% in meno rispetto alle proiezioni realizzate nel 2007 e che prevede, tra le altre disposizioni, che entro il 25 ottobre 2020 i contatori e i contabilizzatori di calore di nuova installazione debbano essere leggibili e controllabili da remoto.

Qundis vuole monitorare gli impianti di riscaldamento via cloud ultima modifica: 2019-04-21T15:21:11+00:00 da Virginia Gambino
Categories: Aziende