Skip to main content

Gruppi di autoconsumo collettivo: l’energia condivisa a portata di condominio

Avatar for Michael
Di 

L’Unione europea tutela e promuove l’autoproduzione e l’autoconsumo di energia rinnovabile, fornendo una serie di agevolazioni mirate a svilupparne e incrementarne l’utilizzo anche in forma collettiva. Si tratta infatti di soluzioni fondamentali per la transizione energetica, ossia il passaggio dall’utilizzo di combustibili fossili (petrolio, gas, carbone) a quello di fonti energetiche green.

Un cambio di paradigma necessario sia per ridurre le emissioni di CO2 a livello globale ed evitare che le temperature aumentino di oltre 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali, sia per semplificare la quotidianità delle persone, chiamate a una gestione sempre più consapevole ed efficiente dell’energia.

In questo scenario gioca dunque un ruolo fondamentale l’autoconsumo, in quanto accelera la diffusione e l’adozione di sistemi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, ed è qui che si inseriscono i Gruppi di autoconsumo collettivo (AUC).

Questi gruppi nascono quando due o più soggetti installano impianti per la produzione e la condivisione di energia proveniente da fonti rinnovabili. Si tratta di un sistema pensato prevalentemente per i condomini, infatti i membri dell’Auc sono utenti residenziali o le attività commerciali che si trovano nello stesso edificio/condominio e condividono virtualmente l’energia prodotta da impianti fotovoltaici, con una potenza massima di 1MW.

I Gruppi di AUC offrono vantaggi significativi sotto diversi aspetti. Dal punto di vista ambientale consentono una notevole riduzione delle emissioni di CO2 e di altre sostanze inquinanti.

Sul versante economico, garantiscono un guadagno grazie alla vendita dell’energia non autoconsumata e immessa in rete, consentono di risparmiare sui consumi energetici in bolletta attraverso l’energia direttamente autoconsumata e danno diritto di accesso agli incentivi del GSE per l’energia condivisa.

Inoltre, l’adesione a un Gruppo di autoconsumo collettivo può portare a un aumento del valore dell’immobile, grazie al miglioramento della classe energetica dell’edificio.

Perché si possa costituire un AUC è necessario vi sia la presenza di un proprietario dell’impianto di produzione di energia e del contatore a cui viene allacciato, che può essere rappresentato anche dal condominio stesso.

È necessario poi un referente che gestisca la richiesta di accesso al servizio, al trattamento dei dati e al contratto con il GSE. Infine, il cliente finale titolare di un punto di connessione che non esercita l’attività di distribuzione di energia elettrica, e che preleva la quota di proprio uso da una rete con obbligo di connessione di terzi.

Una volta ricoperti questi ruoli, costruire un gruppo di autoconsumo collettivo è semplice, veloce e immediato, soprattutto se affiancato da un partner come Enel X Global Retail che accompagna il cliente durante tutte le fasi, dall’analisi di fattibilità alla costituzione del gruppo, inclusa la gestione amministrativa e burocratica, dall’installazione degli impianti fotovoltaici alla redistribuzione dei benefici.

La società del Gruppo Enel, inoltre, fornisce una piattaforma digitale per il monitoraggio del bilancio energetico e il report sullo status del gruppo. Grazie ai numerosi incentivi fiscali promossi dall’Unione Europea, inoltre, installare un impianto fotovoltaico è ancora più conveniente: il GSE prevede un incentivo per l’energia condivisa per un periodo di almeno 20 anni, e la normativa italiana prevede una detrazione fiscale pari al 50% delle spese sostenute.

Dunque, il condominio decide di installare l’impianto usufruendo di questo bonus ristrutturazione al 50%; Enel X Global Retail supporta i soggetti nella costituzione del gruppo per ottenere dal GSE gli incentivi previsti; infine, i condomini ricevono la quota di benefici sulla base di quanto stabilito in sede di costituzione ed Enel X Global Retail gestisce i servizi relativi all’AUC, compresa la redistribuzione degli incentivi.

Inoltre, non è previsto alcun obbligo di sottoscrizione di contratti di fornitura elettrica con uno specifico fornitore, sia per il condominio che per i partecipanti all’AUC.

Enel X Global Retail ha l’obiettivo di promuovere e guidare il processo di transizione energetica. Ecco perché si pone come importante acceleratore per la diffusione dei Gruppi di autoconsumo collettivo, strumento cardine di questa transizione.

Articoli Correlati

Investimenti per 1,1 miliardi per Gruppo Cap

Gruppo Cap, green utility pubblica che gestisce il servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, ha presentato il nuovo…

Milano skyline

In aumento il costo degli affitti

Secondo l’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa il mercato delle locazioni, nella seconda parte del 2023, continua a registrare un aumento…

ChangeGuru accompagna l’Italia nella transizione verso la mobilità elettrica

Il 3 giugno scorso i nuovi Ecobonus messi a disposizione dal ministero delle Imprese del Made in Italy per l’acquisto…

Sei un amministratore di condominio? Un’impresa, un ente o un professionista?
Oppure un privato che abita in spazi condominiali?

Abbonati alla nostra rivista
Avatar for Michael

Autore: Michael

© 2015 - 2024 CasaCondominio - C.F. e Partita IVA 07316460158