Skip to main content

Lucy, la lampada che riflette la luce

A prima vista sembra un oggetto di design anni Settanta, poi si scopre che Lucy è una lampada, ma non una qualsiasi, perché è una sorta di robot che insegue la luce del sole e la riflette. Il meccanismo è simile all’eliostato, lo strumento che si muove come un girasole e cattura l’energia dei raggi per concentrarla in un unico punto. Con una differenza: Lucy non assorbe, ma con uno specchio reindirizza la luce. Come? Grazie a puntatore sulla parte anteriore del robot a forma di sfera (misura di 30 centimetri) che dirige la luce solare concentrata e la spara contro un muro come un raggio laser.

L’idea è semplice: poiché qualsiasi luce noi vediamo non proviene da un unico punto ma è l’effetto della rifrazione su una superficie, alla stessa maniera se Lucy viene posizionata verso il soffitto, non appena lo raggiunge il raggio del sole si disperde e viene distribuito uniformemente in tutta la stanza. Ecco perché è una lampada, per di più alimentata da una fonte rinnovabile e completamente autonoma senza bisogno d installazione. L’idea è di Diva Tommei, laurea in Biotecnologia e dottorato in Biologia informatica e molecolare a Cambridge, che ha utilizzato la tecnologia per sfruttare e trattare i quelle forme di depressione spesso attribuite ai cambiamenti stagionali e alla carenza di vitamina-D, molto diffuse nei paesi nordici. Così è nata la start up californiana Solenica, fondata da Tommei con Alessio Paoletti, l’industrial designer che ha trasformato i vari prototipi in un oggetto d’arredamento dall’estetica Made in Italy e con Mattia Di Stasi, che si occupa della parte commerciale. In vendita a 300 dollari si può preordinare online a 199 dollari, intanto  è appena iniziata la presentazione della società agli investitori e i tre italiani hanno già raccolto 120 mila dollari. Ma è solo l’inizio.

La lampada Lucy di Solenica

La lampada Lucy di Solenica

I tre fondatori di Solenica: da sinistra Alessio Paoletti, Diva Tommei e Mattia Di Stasi

I tre fondatori di Solenica: da sinistra Alessio Paoletti, Diva Tommei e Mattia Di Stasi

 

Articoli Correlati

La nuova generazione di Robus

Nuova automazione Robus di Nice

Nice presenta la nuova generazione di Robus, l’ultima serie di motori per cancelli scorrevoli. Robus evolve ulteriormente grazie a tecnologia…

Tecnologia

Condominio connesso, come evitare di cadere in rete

I condomini sono sempre più connessi, a partire dai singoli utenti, fino agli studi professionali di chi amministra lo stabile….

Social-media

Social media per gli amministratori di condominio, quanti e quali vantaggi

Anche il mondo del condominio può utilizzare le piattaforme di social media per condividere contenuti, come Facebook o Instagram, a…

Sei un amministratore di condominio? Un’impresa, un ente o un professionista?
Oppure un privato che abita in spazi condominiali?

Abbonati alla nostra rivista
Avatar for Virginia Gambino

Autore: Virginia Gambino