Skip to main content

Ridurre il consumo di elettricità in cinque mosse

Le nostre abitazioni utilizzano energia elettrica anche se tutti i dispositivi sono spenti e gli elettrodomestici a riposo: sono i cosiddetti consumi in stand-by che, pur essendo nascosti possono incidere fino al 40% sul consumo medio annuo (consumo totale medio di casa 3300 kWh) corrispondente a 1073 kWh e ad una spesa che può arrivare fino a 250 euro. È quanto rivelano le analisi dall’Energy Center del Politecnico di Torino, grazie a Ned, uno smart meter Made in Italy che si collega  al quadro elettrico di casa e consente di monitorare i consumi e individuare quelli difficilmente rilevabili.

Secondo l’analisi, le abitazioni composte da quattro o più componenti consumano fino al 25% in più rispetto a famiglie meno numerose (due-tre componenti) con la stessa quantità di elettrodomestici. A fare la differenza è anche il numero di elettrodomestici: le abitazioni con più di otto dispositivi  consumano fino al 5% in più all’anno rispetto alle famiglie con meno elettrodomestici.

Elettrodomestici e dispositivi elettronici grandi e piccoli, infatti, incidono sul consumo di energia non solo quando vengono utilizzati, ma anche quando sono in stand-by: uno spreco che può essere facilmente evitato grazie a qualche piccolo accorgimento. Per contenere l’utilizzo di energia e le spese, secondo Midori, Pmi con sede a Torino, che ha raccolto i dati di consumo ricavati dalle case monitorate da Ned ci sono cinque azioni che permettono di ridurre il dispendio energetico e rispettare l’ambiente alleggerendo le bollette e il portafoglio.

Frigorifero di classe A+

Frigorifero di classe A+

1 – Attenzione allo stand-by

A incidere sullo stand-by sono soprattutto i dispositivi elettronici: seppur spenti continuano a consumare energia. È il caso delle stampanti e dei computer, per esempio, o dei televisori, che possono essere da soli responsabili addirittura del 40% dei consumi nascosti, soprattutto se collegati ai telecomandi, perché il circuito mantiene attiva anche la ricezione del segnale in caso di nuovi input. In particolare, rivelano le analisi di Ned, i decoder lasciati in stand-by consumano fino a 700 Wh al giorno pari a circa 255 kWh all’anno e a una spesa annuale di quasi 60 euro. Spegnere questo dispositivo di notte o nei momenti di inutilizzo (circa per otto ore al giorno) permetterebbe di risparmiare fino al 65%, ovvero fino a 40 euro ogni 12 mesi.

2 – Il condizionatore d’inverno

Tanto utili in estate, ma se vengono spenti con il telecomando, i condizionatori rimangono in stand-by per tutti gli altri mesi dell’anno. Se lasciati in stand-by per l’intero anno aumentano la spesa fino a 60 euro. Il consiglio pertanto è quello di staccare sempre la spina o spegnere l’interruttore del quadro elettrico nei mesi in cui il condizionatore non è utilizzato.

3 – Staccare la spina e installare multiprese o pulsanti

Sarebbe buona norma spegnere alcuni apparecchi quando si lascia la propria abitazione per un periodo mediamente lungo. In alcuni casi lo stand-by o lo spegnimento effettivo dei dispositivi è evidente grazie ad una spia luminosa presente sul dispositivo, ma in altri non è così semplice. Alcuni monitor Lcd per computer, per esempio, rimangono in stand-by anche senza alcun indicatore luminoso acceso. Perciò, mentre in alcuni casi può bastare il tasto off, in altri è necessario staccare la spina: si possono quindi utilizzare multiprese che permettono di staccare più dispositivi o elettrodomestici in un colpo solo, oppure installare interruttori smart monitorabili anche a distanza per essere certi dei consumi anche mentre si è fuori casa. Queste soluzioni possono aiutare a risparmiare fino al 10% del consumo di energia annuale.

4 – Scegliere elettrodomestici moderni

Quando si parla di consumi e di spese, la scelta del giusto elettrodomestico è prioritaria e incide non solo sull’ambiente, ma anche sulle bollette. Quelli con classe energetica A, A+, A++ e A+++ e di ultima generazione sono da preferire ai modelli più arretrati, perché permettono di consumare meno energia non solo quando vengono utilizzati, ma anche se rimangono in stand-by, che sia per necessità o per errore. In ogni caso, che si parli di nuovi o vecchi elettrodomestici è importante ricordare che anche lo spazio di aerazione è fondamentale, perché evitando il loro surriscaldamento si riduce il consumo di energia: una regola che non vale solo per i frigoriferi, ma anche per modem, decoder e computer.

5 – Controllare eventuali perdite o guasti

Se seguendo tutti questi piccoli consigli il consumo continua a essere stranamente elevato, il problema potrebbe essere dato da perdite o guasti degli elettrodomestici o a malfunzionamenti dello stesso impianto elettrico. Per individuare il problema e risolverlo, si possono rilevare le eventuali dispersioni di energia grazie all’attento monitoraggio del consumo degli elettrodomestici e dello stand-by.

Articoli Correlati

ChangeGuru accompagna l’Italia nella transizione verso la mobilità elettrica

Il 3 giugno scorso i nuovi Ecobonus messi a disposizione dal ministero delle Imprese del Made in Italy per l’acquisto…

Energia-condominio

Energia in condominio per tutti

Sono arrivate le attese regole per l’energia in condominio e per costituire le Cer. Gli edifici privati possono organizzarsi con…

ricarica auto

ChargeGuru parcheggia ovunque soluzioni di ricarica “Zero pensieri”

Una soluzione per installare le ricariche delle auto elettriche nei box dei condomini con un servizio di consulenza, installazione e manutenzione.

Sei un amministratore di condominio? Un’impresa, un ente o un professionista?
Oppure un privato che abita in spazi condominiali?

Abbonati alla nostra rivista
Avatar for giusepperossi

Autore: giusepperossi