Skip to main content

Se l’ascensore si ossida non è colpa del costruttore

L’ossidazione delle porte dell’ascensore non è addebitabile al costruttore. La ha stabilito la Corte di Cassazione con sentenza n°12186 del 12 giugno 2015, rigettando il ricorso di un condominio che ricorreva contro il giudizio della Corte d’Appello, sostenendo che la stessa Corte non aveva considerato l’ossidazione presente sulle porte dell’ascensore come grave difetto dell’impianto, Invece i giudici della Cassazione hanno stabilito, aderendo a quanto affermato da quelli di merito, che non si ravvisano gli estremi per l’addebito a carico dell’appaltatore in quanto l’ossidazione non riduce in modo apprezzabile la funzionalità dell’impianto né il godimento dello stesso da parte degli occupanti gli appartamenti né incide sul valore intrinseco dello stesso. ascensore
ascensore

Articoli Correlati

Erogazioni idriche

Erogazioni idriche nocive per la salute, amministratori condominiali in acque agitate

La nuova normativa del febbraio scorso ha introdotto altre responsabilità per chi gestisce il condominio in materia di erogazioni idriche….

Privacy

Trattamento dei dati, in assemblea condominiale con Sherlock Holmes

Il trattamento dei dati compete all’amministratore, per consentire la corretta convocazione e la validità delle delibere, effettuare verifiche in relazione…

Condominio

Norme e sanzioni per le parti comuni in condominio

Lo spazio, un bene condiviso o le parti comuni in condominio devono essere a disposizione di tutti, ma anche manutenuti….

Sei un amministratore di condominio? Un’impresa, un ente o un professionista?
Oppure un privato che abita in spazi condominiali?

Abbonati alla nostra rivista
Avatar for Virginia Gambino

Autore: Virginia Gambino