Skip to main content

Quando un affitto troppo alto diventa reato

Un affitto troppo alto può anche essere un reato. Lo si deduce dalla decisione della I Sezione Penale della Corte di Cassazione con sentenza 6815/2016 ha respinto il ricorso di una condomina avverso all’ordinanza di sequestro preventivo di un immobile, occupato da persone diverse dall’affittuario e dalla sua famiglia anche per evitare il perpetrarsi del reato. Infatti «per la sussistenza del reato è richiesto il fine di trarre ingiusto profitto dalla locazione ovvero dal dare alloggio, requisito questo deducibile da condizioni contrattuali comunque gravose rispetto ai valori di mercato, che nella fattispecie risultano individuati nel canone sproporzionato in relazione alle condizioni dell’immobile e ai valori correnti di mercato». Significativamente l’ordinanza sottolinea che il canone richiesto (in cui erano conglobate le spese condominiali che, in frode al fisco, erano state sovradimensionate) fosse superiore a quello percepito dopo la ristrutturazione dell’immobile.affittasi-

Articoli Correlati

Sif Italia si espande con nuove acquisizioni

Sif Italia, società attiva nel settore dell’amministrazione e gestione degli immobili, quotata sul mercato Euronext Growth Milan, continua la sua…

Condominio a Milano

Coima rafforza il vertice e vara un piano triennale

Coima, gruppo di sviluppo e gestione di patrimoni immobiliari per conto di investitori istituzionali guidato da Manfredi Catella, annuncia nuove nomine…

Bifire

Lastra Supersil Bifire, un sottile scudo per proteggere dal fuoco

La lastra Supersil di Bifire in calcio silicato è spessa soltanto 12 millimetri, ma vanta 130 casi applicativi certificati di…

Sei un amministratore di condominio? Un’impresa, un ente o un professionista?
Oppure un privato che abita in spazi condominiali?

Abbonati alla nostra rivista
Avatar for Virginia Gambino

Autore: Virginia Gambino