Skip to main content

APE standard, APE convenzionale e AQE

L’ A.P.E. (Attestato di Prestazione Energetica) è il documento che descrive le caratteristiche energetiche di un edificio, di una abitazione o di un appartamento. E’ uno strumento di controllo che sintetizza con una scala da A4 a G (scala di 10 lettere) le prestazioni energetiche degli edifici ed è obbligatorio per la vendita o l’affitto di un immobile.
La validità di un APE è, nella maggior parte dei casi, 10 anni. Per conservarne la validità bisogna garantire i controlli della caldaia previsti dalla legge.  Dal 1° luglio 2009 l’APE va obbligatoriamente redatto in caso di compravendita di immobili e dal 1° luglio 2010 in caso di locazione. L’ APE è tra i documenti utili ad ottenere il certificato di agibilità di un edificio.

APE convenzionale
Con la nuova agevolazione Superbonus che permette di efficientare condomini e appartamenti con una detrazione pari al 110%, è stato definito un nuovo tipo di certificazione energetica, il cosiddetto APE convenzionale, diverso rispetto all’APE che di solito si usa per locazione o per compravendita. L’APE convenzionale rispetto ad un APE standard si differenzia per questi aspetti:
È un APE legato unicamente alla pratica Superbonus 110 e non può essere utilizzato per altri scopi.
È di tutto l’edificio, inteso come somma degli APE di tutti gli appartamenti a differenza di quello standard che solitamente è per un’unica unità immobiliare. È della singola unità immobiliare nel caso di appartamento che rientra nella definizione di funzionalmente indipendente e con almeno un accesso autonomo (Art. 119 DL Rilancio).
Non deve essere presentato alla Regione ma ha il solo scopo di valutare il salto delle due classi. Viene infatti allegato all’Asseverazione del tecnico in forma di dichiarazione sostitutiva d’atto notorio.
Per valutare il salto delle due classi energetiche l’APE convenzionale viene fatto per la situazione ANTE e POST intervento migliorativo.

APE e AQE (Attestazione Qualifica Energetica): differenze.
La prima importante differenza sta nel soggetto che redige il documento: L’ AQE può essere redatto dal progettista o dal direttore dei lavori, quindi da un tecnico abilitato che ha già avuto un ruolo nei lavori dell’immobile. Viene rilasciato dal costruttore e consegnato al comune insieme alle documentazioni per il rilascio della dichiarazione di fine lavori.

L’ APE invece va redatto da un Certificatore Abilitato ed indipendente.
La seconda differenza sta nel fatto che nell’ AQE non è specificata la classe energetica dell’edifico.
In generale oggi l’ AQE è un documento meno utilizzato del passato, viene richiesto solamente in fase di “fine lavori” dal direttore dei lavori.

 

Articoli Correlati

A caldaie e cappotti l’oscar di incentivi

L’analisi degli interventi legati ai bonus fiscali degli ultimi anni rivela le tipologie di miglioramenti scelte sul fronte della riqualificazione…

Addio superbonus, ecco le novità

Il governo ha allo studio un’ulteriore stretta del beneficio fiscale, che comunque dal 2024 scenderà al 65-70%. Ma tra i…

Stannah

Stannah: comfort e accessibilità, l’88% degli italiani è soddisfatto della propria casa

Secondo una ricerca condotta da Astarea per Stannah Italia, azienda globale specializzata nella produzione e vendita di montascale e servoscala,…

Sei un amministratore di condominio? Un’impresa, un ente o un professionista?
Oppure un privato che abita in spazi condominiali?

Abbonati alla nostra rivista
Avatar for daniela zeba

Autore: daniela zeba